Inversione di essere e apparire

gocciaForse ciò che sembra essere… semplicemente appare,
mentre ciò che sembra apparire… veramente è.

  • Mi sembra un gioco di parole… A che cosa ti riferisci?

Comunemente siamo portati a pensare che dietro la superficie dei fenomeni (dietro ciò che appare), per esempio dietro un lampo, si nasconda ciò che è, per esempio una differenza di potenziale elettrico.

  • E invece?

Invece potrebbe essere vero il contrario. Il “lampo” è qualcosa che è esattamente come appare, nel “quadro” (in senso prospettico) in cui le cose “si dànno” (alla coscienza), ossia nel solo modo in cui le cose “ex-sistono”, vengono alla luce.

La spiegazione che si appella alla “differenza di potenziale elettrico”, viceversa, non è che un modo in cui possiamo interpretare ciò a cui assistiamo, proprio come lo era, in altri tempi, la spiegazione che attribuiva l’evento all’ira di Zeus. Ci “sembra”, oggi, che questa sia la spiegazione. In greco si direbbe che “dokèi“, appare che sia così, ma nel senso che tale è l’opinione (dòxa) corrente riguardo all’evento.

Più in generale la “cosa in sé”, dietro la superficie dei fenomeni, potrebbe non essere altro che l’esserci, ciò che “e-viene“, l’evento di cui parla Heidegger (Ereignis), il perì-echon, alcunché di ambi-ente, inclusivo di soggetto percipiente e oggetto percepito. Fenomeno, invece, è ciò che ci appare, il modo in cui interpretiamo l’evento o ce lo rappresentiamo.

In questo preciso senso possiamo intendere la celebre immagine del Vedanta: ciò che “appare” (viene interpretato/inteso come) un serpente, è in verità una corda.

Si tratta dello stesso identico “fenomeno”, interpretato diversamente, non di qualcosa che si nasconda “dietro” il fenomeno; o meglio, si tratta di qualcosa che si nasconde nell’evidenza stessa (nella luce) del fenomeno (come la lettera rubata di Poe/Lacan).

Sotto questo profilo, si può essere certi che “non vi è nulla di nascosto che non sarà rivelato”,  semplicemente perché è già tutto esattamente sotto i nostri occhi, si tratta solo di riconoscerlo.